Cerca

I discorsi dell'ascensore

W come… Walter

Siamo arrivati alla lettera W… W come Walter.

Tanti anni fa conoscevo Walter che nulla ha a che vedere con il Walter di Luciana Littizzetto. Continue reading “W come… Walter”

Annunci

DIARIO DI VIAGGIO: lo splendido mare del Salento

Il mio racconto delle vacanze continua con l’ultima settimana di agosto trascorsa nello splendido mare del Salento.

Nonostante mio padre sia salentino, io ci sono stata in vacanza solo nel 1976 ed ero talmente piccola da non ricordarmi nulla. Continue reading “DIARIO DI VIAGGIO: lo splendido mare del Salento”

Liebster Award TAG

Sono stata nominata per questo tag sia da kikkakonekka (che però tagga la home page del blog quindi non mi arriva la notifica) e da Hadley. Chiaramente ringrazio entrambi perché non facevo un tag da tantissimo tempo. Continue reading “Liebster Award TAG”

Caduto sul bus

Ieri mattina parlavo con un signore di circa 75 anni, protagonista di una storia incredibile.

Se non fossi certa dell’attendibilità delle sue parole e non avessi visto i segni tangibili della vicenda, stenterei a crederci. Continue reading “Caduto sul bus”

VICINI DI CASA: il parcheggio selvaggio

Nel mio paese vige il parcheggio selvaggio, ma non in strada come a Milano. Nei cortili privati.

Di spazio in strada ce n’è in abbondanza, ma ognuno di noi vuole la macchina davanti al cancello senza la fatica di dover aprire la serranda del box. Il risultato sono cortili pullulanti di auto in posizioni a volte anche fantasiose. Continue reading “VICINI DI CASA: il parcheggio selvaggio”

Riunioni, conference call, invitation…

Continue reading “Riunioni, conference call, invitation…”

Mi sono dimenticata…

Ieri sera mi sono dimenticata di scrivere l’articolo per il mio blog… mentre ero a letto, indecisa se accendere la TV o dormire mi è venuto in mente.

E niente, ho deciso di abbandonarmi a Morfeo.

Le lettere della musica… Ho imparato a sognare (Negrita)

Continue reading “Le lettere della musica… Ho imparato a sognare (Negrita)”

Quella volta che… il dito medio

Oggi uso il titolo della mia rubrica Quella volta che… per raccontare della maledizione di J-Ax.

Venerdì sera sono stata al concerto Tuborg Open durante il quale J-Ax, come al solito durante Domani Smetto, ha chiesto di tirare su le braccia mostrando il dito medio.

Io non l’ho fatto perché non sono arrabbiata con nessuno.

Il giorno dopo ho sbattuto il dito medio forte contro il volante, lateralmente… mi fa ancora male e faccio fatica a muoverlo e piegare la mano destra.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑