Ogni viaggiatore che si rispetti deve, almeno una volta nella vita, fare tappa a New York.

New York è la città che non dorme mai, i negozi sono aperti 24 ore su 24 perché non si sa mai che, alle 4 del mattino, tu abbia bisogno della bevanda aromatizzata al limone per dissetarti.

New York la ami o la odi.

Io ci sono stata ad agosto, nel 2010, e agosto non è certo il mese migliore per visitarla. Appena sbarcate al JFK ci ha accolto un clima caldo umido come quello che affligge Milano nei giorni migliori e subito ci siamo fatte fregare dal tassista abusivo che ci ha chiesto uno sproposito per andare a Manhattan. Quindi, dopo l’interminabile volo transoceanico, è scattata la litigata isterica finalizzata a pagare un equo compenso per il servizio offerto. E così è stato.

Arriviamo al nostro albergo, il Belvedere Hotel, ottimamente posizionato tra l’8th e la 9th, sulla 48th, a pochi minuti a piedi da Times Square. I prezzi di questa struttura sono solitamente proibitivi (ho simulato una prenotazione per una notte per due persone e si parte da 287$), ma io avevo trovato un’offerta con la quale avevamo speso una cifra ragionevole per essere a Manhattan, qualcosa come 60$ a notte a testa.

Pur non essendo agli ultimi piani, siamo state subito colpite dalla vista sulla città e i suoi grattacieli.

Come in tutta l’America (Stati Uniti e Canada, per quel che ho visitato io), anche qui le camere hanno letti Queen (2 ad una piazza e mezza) o King (uno a tre piazze).

I bagni non sono dotati di bidè, una fissa per noi italiani e la doccia ha solo il soffione fisso alla parete. Quindi mettetevi l’anima in pace che per tutta la vostra permanenza negli Stati Uniti avrete difficoltà a lavarvi la sotto.

Avevamo acquistato poi un pacchetto chiamato New York City Pass che comprendeva l’ingresso ad un tot di attrazioni, salta la coda compreso.

New York sono i grattacieli e abbiamo iniziato con il Top Of The Rock.

Vista dal Top Of The Rock
Dal Top of The Rock

Il GE Builgind, noto anche come Top Of The Rock, è un grattacielo di 70 piani per 259 metri di altezza. È costruito in stile Art Déco ed è al centro del Rockfeller Center. Ospita la sede della NBC.

Nel pass è compresa anche la Crociera all’Isola ove sorge la Statua della Libertà. Ricordo che, per accedere, ci siamo dovuti sottoporre a controlli di sicurezza analoghi a quelli in aeroporto… e poi la visita alla Statua va prenotata (giorni prima), altrimenti si può girare intorno, come abbiamo fatto noi.

La Statua della Libertà
Manhattan vista da Liberty Island

Essendoci stata solo 5 giorni, ho dovuto ottimizzare i tempi e sfruttare il fatto che New York non dorme mai. Così sull’Empire State Building ci sono salita di sera e la vista della città, dall’alto, è davvero fenomenale.

Vista della 5a strada dall’Empire State Building

Per anni è stato il grattacielo più alto del mondo con i suoi 103 piani e i 443 metri di altezza (guglia). Il pennone era stato pensato per essere utilizzato come sbarco per i passeggeri dei dirigibili, ma l’idea si rivelò ben presto pericolosa e la sua altezza fu portata dagli originari 46 agli attuali 62 metri. Ora vi sono state installate antenne, luci, ripetitori televisivi ed un parafulmini che viene colpito circa 500 volte all’anno.

Voi sareste mai scesi da un dirigibile in questo modo?

Sempre con il pass, abbiamo visitato il Metropolitan Museum of Art e il Museo di Storia Naturale.

In ogni visita di New York che si rispetti, non può mancare una capatina a Central Park:

Così come non si può non andare al Ponte di Brooklyn, nonostante non sia proprio comodo arrivarci da Manhattan.

Ponte di Brooklyn

Immancabili anche un giretto a Times Square, Broadway, Wall Street…

…e per noi italiani, Little Italy almeno per mangiare qualcosa di decente!

Ormai Little Italy è diventata davvero little, perché schiacciata da China Town… già, anche lì!

Non possono poi mancare due tappe fondamentali prima di lasciare la Grande Mela:

Apple Store di NY
Tiffany, NY

Io negli Stati Uniti ho sempre avuto grandi problemi alimentari… in parte dovuti ai miei gusti: non mangio cose elaborate e con troppi ingredienti né salse di alcun tipo. Ovvero secondo loro sono malata.
In più voler comprare l’acqua naturale è una missione quasi impossibile: nella migliore delle ipotesi, troverai acqua aromatizzata alla frutta o la Perlier dal prezzo proibitivo, perché loro bevono acqua del rubinetto con tantissimo ghiaccio. Quindi, se non siete abituati, ricordatevi di chiedere di non mettervelo perché nei ristoranti i camerieri girano con delle brocche piene d’acqua ghiacciata e vi riempiono il bicchiere (gratis). Io non ho avuto problemi, solo perché mio padre, fin da piccola, mi ha abituato, in estate, a mettere i cubetti nell’acqua e a “mangiare” quelli che rimangono nel bicchiere. Ma tanto ghiaccio come in America io non l’ho mai visto da nessuna parte.

Tutte le foto di questo articolo sono state personalmente realizzate da me, ad esclusione di quella di copertina, la camera del Belvedere Hotel e dell’immagine dell’Empire State Building con il dirigibile che sono state prese dal web tramite motori di ricerca. I legittimi proprietari possono, in ogni momento, chiederne la rimozione.
Annunci