La saga dei #vicinidicasa non finisce mai.
La signora del piano di sotto mi ha raccontato che, mentre ero in vacanza, suo marito ha litigato con la famiglia del civico affianco (quelli che urlano tutto il giorno, fanno la salsa e di cui so tutto, dai fidanzatini delle figlie adolescenti, fino al loro reddito).
Pare che Ciccio o Luca (uno dei due mariti, insomma) una mattina si sia arrampicato sul muro divisorio e messo a martellare contro la facciata di casa nostra per attaccarci una tenda visto che avevano un pranzo di famiglia e faceva caldo.

Il signore del piano di sotto gli ha fatto notare che quella era casa nostra e non casa sua e lui, senza autorizzazione, non poteva metterci alcun chiodo. Si sono presi a male parole, urlavano e quasi sono venuti alle mani con Ciccio/Luca che diceva che lui poteva fare quello che voleva.

Meno male che ero in ferie.
Comunque il buco per il chiodo l’ha lasciato (io non me ne ero neanche accorta), ma la tenda non c’è.

Annunci