Un viaggio bellissimo.

L’Islanda è un posto magico. Una terra tra ghiaccio e fuoco. Dagli iceberg ai vulcani.

Una nazione meno fredda di quel che si possa pensare. Di giorno non siamo mai andati sotto zero, anzi, spesso c’erano tra i 6 e i 9 gradi, anche se il clima è mutevole. Mentre hai ancora su gli occhiali da sole, inizia a nevicare… è successo più volte.

L’aurora boreale con la sua danza nel cielo è un fenomeno magico. Siamo stati fortunati: ne abbiamo vista una splendida, la più bella di tutto l’inverno. Così ci hanno detto. Magari lo dicono a tutti i turisti.

Un paese condizionato dalle eruzioni vulcaniche che, regolarmente, radono al suolo le valli, esplodono con i loro ghiacci e allagano tutto ciò che trovano sul loro percorso (i vulcani sono ricoperti di ghiaccio che, con l’attività, si sciolgono e formano fiumi).

Un paese che trae la sua energia (elettrica) dai geyser.

Un paese che, in spiaggia, al posto degli ombrelloni, ha gli iceberg.

Un paese magico, anche se la guida continuava a parlarci di turisti tedeschi e cinesi che erano morti arrampicandosi sulle rocce, sbattuti contro le pareti dal vento e trascinati via da onde anomale.

Nei prossimi giorni caricherò un po’ di foto.

Annunci