Settimana scorsa ho parlato qui sul mio blog di un problema che ho avuto con un prodotto make up di Pupa (leggi qui).

Ho fatto la segnalazione anche all’azienda tramite la pagina facebook. Il giorno lavorativo successivo, mi hanno risposto chiedendomi il numero del lotto che ho prontamente comunicato.

Passa un giorno. Niente

Passano due giorni. Niente.

Passano cinque giorni. Niente.

Ho chiesto aggiornamenti, hanno paura che chieda una matita da 10 € gratis come rimborso di quella difettata? Non rispondono.

Se questa è l’attenzione che danno ai loro clienti, mi fanno presupporre che sia la stessa che c’è nei loro prodotti, destinati a quegli stessi clienti.

Probabilmente quelle regole del marketing che mi hanno insegnato all’Università, sono diventate obsolete. Ora un cliente insoddisfatto è solo un cliente perso, mentre 16 anni fa era un cliente insoddisfatto che comunicava la propria insoddisfazione agli altri clienti, trasformandoli tutti in clienti persi.

Oggi avete perso me e non per quella matita difettosa, ma per non aver dato riscontro ai miei messaggi.

 

Annunci