Amore odio.

Lo smartphone.

Odio quando squilla, quando notifica, quando si scarica, quando finisco i GB.

Ma è sempre nei miei pensieri.

Cerco alberghi all’estero con il wi-fi, se lo dimentico a casa penso alle disgrazie che potrebbero succedere in quei pochi minuti in cui sono off line ed irraggiungibile.

Rimpiango i tempi in cui i cellulari erano affari per pochi e viaggiavi chiamando casa quando arrivavi e prima di ripartire, per farti venire a prendere in stazione.

Quando le mail le leggevi sul computer la sera, perché di giorno il telefono andava lasciato libero.

Quando il massimo della tecnologia era il cordless che potevi portare, al massimo, a casa della vicina e già ti sentivi “mobile”.

 

…ora, invece, adoro la modalità aereo con wi-fi attivo!

 

Annunci