Ormai è passato qualche anno.

Ero andata a Bruxelles per un long week end (qui le foto) e, come ogni viaggiatore con un budget limitato, avevo il solo bagaglio a mano.

Io nel bagaglio a mano ci metto sempre le forbicine per le unghie perché, soprattutto con il freddo, mi si formano un sacco di pellicine e, se non le taglio, mi fanno male e sanguinano.

Mi porto dietro quelle vecchie, così, se me le sequestrano, il danno è minore.

A Malpensa non mi hanno mai fatto storie, in realtà neanche all’estero, ma quella volta, a Bruxelles, la mia valigia si sposta verso un rullo isolato più vicino al muro.

Io la guardo perplessa, intanto mi rimetto scarpe, cintura, orologio, piumino, borsa e tutto ciò che avevo messo nel cestino. La mia valigia era ancora lì, da sola ed ignorata da tutti.

Stanca di aspettare, visto che nessuno faceva caso né a me né alla mia valigia sola, dall’altra parte, me la sono ripresa e me ne sono andata con le mie forbicine per tagliare le pellicine.

Percorrendo l’area dei controlli di sicurezza, ho notato che le valige che andavano dall’altra parte (negli altri rulli), venivano esaminate manualmente dagli agenti aeroportuali.

Dite che ho eluso i controlli di sicurezza?

Annunci