Finalmente sono tornati!

Dopo tanti anni di skinny e super slim, finalmente sono tornati i jeans dentro ai quali, oltre agli stuzzicadenti, ci stanno anche delle gambe: i bootcut!

 

Sono i jeans da mettere con gli stivali, questa volta, però, le scarpe rimangono sotto ai pantaloni, dopo tanti anni che abbiamo stretto i nostri polpacci tra elastane e cerniere.

Ma quanti modelli di jeans esistono?

Troppi!!! Questa immagine penso sia stata creata per un sito spagnolo o giù di lì…

Facendo una ricerca sul web, ne ho identificati 8

Slim: jeans dalla forma affusolata e aderente.
Skinny: dall’inglese “skin” (pelle), è un jeans molto aderente (come una seconda pelle) ed elasticizzato.
Boot cut: jeans dal taglio diritto che si allarga nella parte inferiore, in modo che, come suggerisce il nome, possa essere indossato con stivali e stivaletti.
Straight (più conosciuto come “a sigaretta”): è il classico modello maschile, jeans dal taglio diritto, non elasticizzato e non aderente.
come scegliere jeans modelli donna boot cut flare bell bottom wide leg baggy
Wide leg: modello con taglio a palazzo, largo, parte dal punto vita e si allarga, scendendo, fino a coprire la scarpa.
Baggy: jeans dal cavallo basso, largo nella parte superiore, può essere ampio sulla gamba oppure, per i modelli più femminili, aderenti sul polpaccio.
Flare (il famoso “zampa d’elefante” o “a campana”): modello tipico degli anni ’70, (quelli a vita bassa della moda hippie), jeans fascianti nella parte superiore della gamba fino al ginocchio da dove si allargano fino alla fine della gamba.
Bell Bottom: simile al modello flare ma con la parte inferiore, la “zampa d’elefante” larghissima, che copre interamente la scarpa.

Fonte: thinkdonna.it

Annunci