Il mondo dei guadagni online è in continua evoluzione, così come tutte le altre realtà, quindi ho deciso di “aggiornare” i miei consigli con le ultime evoluzioni.

Per chi fosse interessato, vi lascio i link dei precedenti post:

Inizio col dirvi cosa non c’è più e cosa ho eliminato dalla mia lista.

Da qualche settimana hanno chiuso iPoll e Gratis Point. La perdita non è stata per niente sentita, innanzitutto perché di fatto erano lo stesso panel (se rispondevi ad un sondaggio da una parte, l’altro ti diceva che avevi già partecipato), ma soprattutto perché, in tre anni, non avevo mai riscosso nulla.

Invece un PTC di cui vi avevo parlato, l’ho eliminato io. Si tratta di ojooo con cui è molto facile raggiungere la soglia per il pagamento, 2$, ma poi nel forum è pieno di gente che si lamenta che, dopo 7 mesi e numerosi solleciti, i pagamenti non arrivano. Così avevo deciso di aspettare il pagamento e cancellarmi, solo che, dopo 30 di inutilizzo, hanno cancellato loro il mio account e annullato la mia richiesta di payout irrevocabilmente. BOCCIATO.

Ma veniamo alle note positive, ovvero i nuovi panel che ho scoperto in questi ultimi mesi.

E-Ricerca

Questo panel permette di guadagnare sia con i sondaggi, sia grazie alla classifica Social, che si scala facendo iscrivere gli amici ed accedendo al sito almeno una volta al giorno.

Pagano con buoni benzina, di supermercati e ricariche telefoniche.

LovBy

In questo caso viene premiata l’attività social e la partecipazione alle loro campagne, come iscriversi a determinati siti o mettere il mi piace ad alcune pagine facebook segnalate. È premiato anche lo shopping online tramite i loro link.

MyPiggyBank

La logica è molto simile a quella di Qassa: si accumulano punti (convertibili in buoni acquisto) ricevendo e cliccando sulle mail.
Un altro modo per conquistare buoni Amazon è partecipare alle campagne: alcune prevedono la semplice apertura di un link, per altre (quelle con premi più alti), invece bisogna lasciare i propri dati ed aspettare la chiamata di un commerciale dell’azienda partner. Io a queste ultime non mi iscrivo mai.
Ogni settimana vengono anche premiati i primi 10 utenti più attivi.
Per ora io ho riscosso un buono come utente attivo ed uno per le campagne click.
Convertire i punti in buoni acquisto è più complicato, perché ogni giorno ne mettono a disposizione pochissimi.

Testare i prodotti

Ci sono diversi siti di cui non vi ho mai parlato, ovvero quelli dove candidarsi per testare i prodotti. Si tratta principalmente di prodotti grocery (cura della casa e della persona).
In tutti questi panel è sempre consigliabile essere un blogger o partecipare attivamente ad un forum, perché vengono richieste sempre delle recensioni dei prodotti testati e i blogger sono avvantaggiati.

Se siete interessati ad iscrivervi, compilate il modulo qui sotto e vi manderò l’invito:

Su opinion model, invece, potete iscrivervi cliccando qui.

AmzReviewTrader merita un discorso a parte. Bisogna candidarsi per testate dei prodotti che verranno poi acquistati su Amazon con la propria utenza e pagati tramite il codice che ci verrà comunicato se veniamo selezionati.
ATTENZIONE: il codice non sempre copre l’intero costo del prodotto e non copre mai le spese di spedizione (salvo che sia specificato “Free Shipping”). Quindi ricordate sempre che, se non siete Amazon Prime, in linea di massima la spedizione si paga per gli acquisti inferiori a 19€.
Per ora io ho comprato delle casse bluetooh pagandole 1€. Anche qui è obbligatoria la recensione su Amazon.

Oltre ai prodotti testati, il mio guadagno da gennaio a oggi, tra buoni, Amazon e ricariche telefoniche è stato di 250 Euro.

Annunci