Continua il mio consumo di campioncini… vediamo cosa ho usato nelle ultime settimane.

Si inizia con questa crema detergente di Dr. Hauschka Kosmetik. I loro prodotti solitamente sono molto buoni, anche per le fan dell’INCI.

Io vi dico le mie impressioni al di là del contenuto. Mi piace l’effetto detergente, anche se adoro la schiuma (lo so che i saponi non sono il massimo, ma è bellissimo essere avvolti da tutto quel candore). Qui, invece, abbiamo una crema detergente piuttosto solida, di color marroncino e dall’odore sgradevole. Ho pensato persino che il prodotto fosse scaduto, ma no, non lo era. È così e basta.

Andiamo sul classico con Garnier e la sua versione notte della Miracle Cream (qui la versione giorno). Niente di trascendentale, ma almeno non mi ha lasciato né impastata né unta.

Veniamo ai Patch per occhi di postQuam.

Avevo gli occhi molto stanchi… sto andando a dormire sempre tardi e, anche se mi addormento appena tocco il cuscino, le ore sono comunque poche. Ecco il prima, durante e dopo:

È raro che io abbia le occhiaie, ma queste le ho e me le tengo, nonostante la maschera! Anche se devo ammettere che la pelle era molto più idratata alla fine 😀

La Crema Viso al Polline di Fiori di L’Erbolario non fa per me. Non essendo specificato, io l’ho usata come crema giorno, ma è eccessivamente ricca e talmente corposa (quasi dura, oserei dire) da risultare difficile da stendere. Non l’acquisterei mai!

Creme corpo.

Ho finito un po’ di flaconi. Non so se lo sapete, ma gli avanzi di crema solare che non possono assolutamente essere usati l’estate successiva perché perdono il loro potere protettivo, vanno benissimo in inverno come creme idratanti. L’unico problema e che quell’odore fresco e fruttato al limone e cocco quando fuori siamo sotto zero è decisamente nauseante. Ma io sono contro gli sprechi… quindi finisco le creme solari in inverno!

Nivea sotto la doccia è perfetta per le pigre come me che, se fa freddo, si rivestono subito senza idratare il corpo e si ritrovano con le squame sulle gambe. Non è idratantissima, ma meglio di niente…

Del trio, la migliore è quella de I Coloniali.

Dal punto in cui è arrivato questo lucidalabbra Bionike avrete capito che l’adoro! Sembra un rossetto, ma in realtà è un gloss leggermente colorato e molto molto idratante che sa di biscotto. In realtà non è biscotto, ma per me sì… comunque mi viene voglia di mangarlo, ma è finito :°(

Il prezzo è di 14,50€, ma online si trova anche a meno (circa 12€). Questo è il colore 205.

Passiamo ai campioni alimentari. In settimana ho ricevuto due capsule compostabili di Caffè Vergnano per Lavazza a Modo Mio:

Io non sono un’intenditrice di caffè, ne bevo uno al giorno a colazione mischiato con il latte e non ho notato la differenza tra le due intensità che mi hanno mandato.

Mi è piaciuta, invece, la crema. Questa è quella del caffè Vergnano, molto simile a quella che viene con le capsule originali della Lavazza:

mentre questo è quello che viene fuori con le mie solite capsule compatibili:

Annunci