Nell’era digitale, tutto, anche l’insofferenza (e le frustrazioni personali), finisce inesorabilmente ad avere il suo risvolto social.

Così, su Facebook e simili, si aggirano una serie di utenti che ti fanno venire voglia solo di cliccare su “Non seguire più Elisabetta” (Elisabetta, perdonami, ma il primo post che ho sulla bacheca adesso, è proprio il tuo!):

L’amicizia non si nega a nessuno, è solo per chi se la tira, ma quando ti trovi ad avere oltre 400 contatti su internet, quando hanno detto che la quantità giusta è 115, in qualche modo devi pur fare. Così la soluzione è “Non seguire più Elisabetta”.

Ma vediamo quali sono gli utenti più fastidiosi.

Il diario segreto
Ci sono utenti che hanno scambiato facebook per il diario segreto e pubblicano solo frasi che io ho smesso di scrivere dopo aver preso la licenza elementare.

Like like like
Quello che mette “mi piace” a tutti i suoi stati… perché? perché lo fai? 

Ma soprattutto: come fai a mettere il like ad ogni post di ogni tuoi amico entro i primi 30″ dalla pubblicazione di ogni stato? Sei uno stalker?

L’album di famiglia
Ci sono quelli che trasformano facebook nell’album di famiglia: conosci suo figlio da quando era solo un’ecografica in bianco e nero e potresti recitare la sua pagella di prima elementare come fosse la Nazionale che ha vinto i Mondiali di Calcio nel 1982.

Il PR degli eventi impossibili
Ti invita a tutti gli eventi in tutto il mondo. Così ti ritroverai sincronizzato sul calendario del cellulare l’aperitivo del martedì sera al bar sulla spiaggia di Tropea, quando è pieno inverno e tu vivi a Milano. Gli altri 152 invitati non hai idea di chi siano. Da smartphone gli eventi non si possono cancellare.

Il giocatore
Per avere una vita in più farebbe di tutto e così invita ripetutamente tutti i suoi amici (ma ha anche contatti che gli servono solo per aumentare il suo status di giocatore) a prendere parte all’ultima game saga. Anche se hai bloccato tutti i giochi, loro saranno sempre un passo avanti e le loro notifiche ti arriveranno ugualmente.

Il taggatore folle
Non sai perché, non sai quando, eppure ogni mattina ti trovi una decina di notifiche di qualcuno che pare abbia passato la nottata a taggarti negli stati più improbabili e nelle immagini che neanche sai cosa significhino.

Il politico-populista
Quello che coglie ogni occasione per pubblicare articoli con commenti populisti tipo “governo ladro” detto, per par condicio, sia alla destra, sia alla sinistra con un’alternanza perfetta.

Lo sportivo
Lui si accende alla fine di ogni azione e, essendoci oramai partite ogni giorno più volte al giorno, il suo è oramai diventato un lavoro: imprecare contro la squadra avversaria. Gli altri sono sempre ladri, la propria squadra gioca bene ma è sfortunata.
Lui inizia a pubblicare foto di golf, sci, salto in alto, equitazione, lancio del martello chiamando rigorosamente col nome di battesimo gli atleti italiani dal momento in cui vincono qualcosa di importante. Fino a 5′ prima non li conosceva.

L’ostentatore
La sua storia è perfetta, il suo lavoro è strapagato, i suoi amici sono magnifici, ogni sua serata è maledettamente divertente e lui/lei è il re/regina del mondo. Vuoi che siamo invidiosi di te?

Lui & Lei
Ho lasciato l’aspetto più odiato di sempre: il celeberrimo profilo di coppia. Non c’è niente da aggiungere. Loro pensano all’unisono, scrivono all’unisono e vivono all’unisono. Chiaramente hanno un profilo facebook all’unisono.

Ce ne sarebbero molti altri… aspetto i vostri!!!

Annunci